Museo Davanzati

FIRENZE

Palazzo Davanzati, magnifico e raro esemplare di dimora trecentesca a Firenze, rappresenta il momento di passaggio tra la casa-torre medievale e il palazzo rinascimentale. Il palazzo fu costruito alla metà circa del secolo XIV dai Davizzi, potente famiglia di mercanti e banchieri, in via Porta Rossa, dove dimoravano agiate famiglie fiorentine, dai Bartolini ai Foresi, dai Monaldi agli stessi Davanzati, che ne divennero più tardi proprietari.

Un primo ammodernamento si deve alla famiglia Bartolini che ne divenne proprietaria nel 1516. Nel 1578 il palazzo venne acquistato da Bernardo di Anton Francesco Davanzati. I nuovi proprietari, lo abitarono per circa due secoli e provvidero a sistemare uno stemma cinquecentesco con l’arme della propria casata sull’imponente facciata del palazzo che, da allora, è sempre stato conosciuto come Palazzo Davanzati.

L’edificio, dal forte slancio verticale, denota che nella costruzione vennero inglobate, oltre ad altre proprietà dei Davizzi, almeno due case-torri. L’importante facciata, articolata su tre piani sormontati dall’altana superiore, si sviluppa su un piano terreno a bugnato con tre ampie aperture ad arco ribassato, che anticamente erano prive di portoni affacciando direttamente sulla strada.

La conversione del palazzo gentilizio in Museo è dovuta a un’intuizione dell’artista e collezionista Elia Volpi che nel 1904 lo acquistò e si dedicò a un’attenta opera di restauro e allestimento. La ricca collezione di mobilio, oggetti d’uso e suppellettili di vario genere appartenenti alla tradizione dell’arredo fiorentino, fu la base per la prima apertura del Museo della Casa Fiorentina Antica. La collezione conobbe tuttavia fortune alterne. Fu alienata a causa delle contingenti difficoltà economiche del Volpi che tuttavia, scegliendo New York come sede della prima asta, contribuì non poco a diffondere il gusto per lo stile fiorentino oltreoceano.

Fresco di un’accurata e lunga opera di restauro e adeguamento strutturale, il Museo di Palazzo Davanzati è oggi uno dei luoghi più suggestivi e interessanti del patrimonio museale cittadino. Fedele alla funzione che Elia Volpi gli aveva voluto attribuire, il Museo non solo ospita una preziosa e accuratissima raccolta di oggetti da collezione, ma rappresenta una delle più fedeli e interessanti testimonianze dello stile di vita della Firenze rinascimentale. Da non perdere la cucina, posta al terzo piano, che ci trasporta nel cuore delle attività quotidiane femminili in seno alla famiglia.

Bibliografia essenziale

Museo di Palazzo Davanzati. Guida alla visita del Museo. A cura di Rosanna Caterina Proto Pisani e Maria Grazia Vaccari. Firenze, Polistampa 2011

La “Coperta” Guicciardini. Il restauro delle imprese di Tristano, catalogo della mostra a cura di R. Caterina Proto Pisani, M. Ciatti, S. Conti, M.G. Vaccari, Palazzo Davanzati, Firenze 2010.

Federigo e la bottega degli Angeli. Palazzo Davanzati tra realtà e sogno, a cura di R. Proto Pisani e F. Baldry, Palazzo Davanzati, Firenze 2009.

R. Ferrazza, Palazzo Davanzati e le collezioni di Elia Volpi, Firenze 1993.

Eleganza e civetterie: merletti e ricami a Palazzo Davanzati, catalogo della mostra, a cura di M. Carmignani, Palazzo Davanzati, Firenze 1987

Imparaticci = samplers: Esercizi di ricamo delle bambine europee ed americane dal Seicento all’Ottocento, catalogo della mostra a cura di M. Carmignani, , Palazzo Davanzati, Firenze 1986.

A. Schiaparelli, La casa fiorentina e i suoi arredi nei secoli XIV e XV, a cura di M. Sframeli e L. Pagnotta, Firenze 1983 (riedizione dell’edizione originale del 1908).

L. Berti, Il Museo di Palazzo Davanzati, Firenze 1971

davanzati1

Madonna col Bambino

Datazione: secolo XIII
Tecnica e Materiali: affresco staccato
Dimensioni: cm 160×105
Autore: Pittore Umbro

Risale alla tradizione bizantina anche l’iconografia della Madonna che allatta (galactofilousa), qui tradotta in forme meno rigide, accentuando l’atteggiamento di tenerezza verso il figlio. Interessante la soluzione del drappo di tessuto a piccolimotivi geometrici confasce orizzontali, che sostituisce lo schienale del trono.

davanzati6

Madonna col Bambino fra San Giuseppe e San Gerolamo

Datazione: ultimo quarto del secolo XV
Tecnica e Materiali: tavola
Dimensioni: cm 135 (diam.)
Autore: Pittore Toscano

Il tondo presenta la Vergine, dall’espressione pensierosa, con una fine spilla di perle sull’acconciatura, che indica con l’indice della mano sinistra il cartiglio sorretto dal Bambino, che siede su un cuscino con nappe. I santi sono identificati sulla base degli specifici attributi: il cappello cardinalizio per san Gerolamo e la verga per san Giuseppe. Il dipinto ha caratteri stilistici che lo rimandano a personalità illustri delRinascimento, come Botticelli, Filippino Lippi e Ghirlandaio, rivelando la mano di unmaestrominore del Quattrocento fiorentino che si rifà a celebri esemplari, dosando ecletticamente le varie componenti. La piacevolezza dell’opera è accresciuta dalla bella e coeva cornice, intagliata e dorata a motivi di un festone dal gusto robbiano, ascrivibile alla produzione fiorentina del Quattrocento, che vanta altri esemplari simili che accompagnano dipinti celebri (Signorelli, Berruguete) nei musei fiorentini.

davanzati2

La sala Madornale

davanzati3

Madonna (o Sant’Anna ?) col libro

Datazione: metà del secolo XV
Tecnica e Materiali: terracotta dipinta
Dimensioni: cm 82 ×63 × 38
Autore: Scultore Ferrarese

La scultura, proveniente dalla chiesa di San Giovanni Battista a Ferrara, rappresenta una figura femminile, mutila all’altezza delle ginocchia, che sorregge nella mano destra un libro socchiuso. Diverse le proposte iconografiche suggerite: dalla Madonna con il libro, all’Annunciata, fino alla recente identificazione – sulla base dei documenti del conservatorioche l’alienò– con Sant’Anna che insegna a leggere alla Vergine.

davanzati4

Busto di fanciullo

Datazione: 1460 – 1465
Tecnica e Materiali: marmo
Dimensioni: cm 42 (altezza)
Autore: Antonio Rossellino

L’opera, che ricorda le delicate teste di fanciulli di Desiderio da Settignano, è stata assegnata ad Antonio Rossellino e datata agli anni Sessanta del Quattrocento per la ripresa nello stile e nella forma del putto reggidrappo di destra della tomba del cardinale del Portogallo nella chiesa di San Miniato a Monte, complessa impresa realizzata da Antonio Rossellino insieme al fratello Bernardo e ad alcuni allievi, con la partecipazione di Luca della Robbia e dei pittori Piero del Pollaiolo e Alesso Baldovinetti, dal 1461 al 1466 . Il busto, bell’esempio di raffinata ritrattistica privata diffusa nella seconda metà del Quattrocento a Firenze e preziosa testimonianza di atteggiamenti umanistici, è stato interpretato anche in chiave religiosa come Gesù Bambino o San Giovannino per l’abbigliamento, ma anche per la mancata lavorazione dei capelli sulla sommità della testa e per la presenza di un piccolo foro sulla nuca che potrebbero suggerire la presenza ab antiquo di un’aureola.

davanzati5

Madonna col Bambino

Datazione: 1402 – 1405
Tecnica e Materiali: terracotta
Dimensioni: cm 70 (altezza)
Autore: Dal Maestro di San Pietro d’Orsanmichele (Filippo Brunelleschi?)

La terracotta raffigura la Madonna col Bambino a mezza figura secondo una tipologia estremamente diffusa e assegnata tradizionalmente a Lorenzo Ghiberti, della quale esistono molti esemplari. La critica più recente ha legato quest’opera alla personalità di Filippo Brunelleschi, suggerendo un confronto con opere (la Madonna col Bambino a figura intera della chiesa di San Martino a Pontorme, Empoli, e il San Pietro dei Beccai di Orsanmichele a Firenze) ritenute di Brunelleschi giovane, che avrebbe iniziato la sua rivoluzione nel campo delle arti proprio dal recupero di una tecnica degli antichi, la modellazione della terracotta, in disuso nel Medioevo. La Madonna col Bambino di Palazzo Davanzati, dal carattere ancora gotico, potrebbe essere tra le più antiche sculture in terracotta eseguite a Firenze in epoca moderna, foggiata a calco da un prototipo che la critica ha, di recente, voluto identificare nella Madonna col Bambino del Seminario di Fiesole, che conserva ancora la sua cromia.

davanzati7

La facciata del Palazzo Davanzati

davanzati8

Il cortile di Palazzo Davanzati

Indirizzo

Museo di Palazzo Davanzati
Via di Porta Rossa 13
Firenze
Telefono: 055 2388610
Sito Web | E-mail

Orario

Da Lunedì a Domenica 8.15-13.50
Il museo è chiuso nella seconda e quarta Domenica del mese e nel primo, terzo, quinto Lunedì del mese, Capodanno, 1° maggio, Natale

Biglietti

Biglietto intero: € 2,00
Biglietto ridotto: € 1,00

Altre informazioni

È visitabile la loggia al piano terra e il primo piano (Salone Madornale, Sala dei Pappagalli, lo Studiolo, Camera dei Pavoni e le due sale dedicate ai merletti).

L’accesso al secondo piano (Salone Madornale, Camera da letto della Castellana di Vergy, Studiolo, Sala da Pranzo) e al terzo piano (Cucina e Camera delle impannate) è organizzato a gruppi, con visita accompagnata, su richiesta e con appuntamento, alle ore 10.00, 11.00, 12.00 del mattino nei giorni di regolare apertura del museo.

PRENOTAZIONI PER LA VISITA
Segreteria museo, Tel.: 055 2388610,
e-mail: museo.davanzati@polomuseale.firenze.it
(obbligatoria la conferma della richiesta telefonica mediante e- mail)