Villa Corsini a Castello

DINTORNI DI FIRENZE

L’imponente e pregevole aspetto barocco che possiamo ammirare oggi della Villa Corsini di Castello, è in realtà il frutto di numerose trasformazioni strutturali che riguardarono la Villa per almeno trecento anni.

Anch’essa, come la Villa della Petraia, fu in origine proprietà di Palla Strozzi che la cedette alla famiglia Rinieri nella prima metà del Quattrocento. La Villa, che allora si mostrava con lo stile semplice di una proprietà certo signorile, ma pur sempre di campagna, venne dai Rinieri sottoposta alle prime modifiche.

Il giardino soprattutto fu messo in mano a Niccolò Tribolo, lo stesso architetto che a metà del Cinquecento avrebbe dato inizio ai lavori di ampliamento del giardino di Boboli su indicazione di Eleonora di Toledo.

Il giardino della Villa Corsini, fino ad allora poco più di un orto con annesso frutteto, fu trasformato in un giardino all’Italiana, dotato di statue, giochi d’acqua e aiuole geometriche. Anche il palazzo venne ampliato, riunendo i fabbicati del palazzo signorile e dell’annessa colonica sotto un’unica imponente facciata.

Passata nuovamente in varie proprietà (per un breve periodo tornò anche in mano alla famiglia Medici), la Villa venne acquistata alla fine del Seicento dalla Famiglia Corsini, che ne rimase proprietaria fino alla metà del Novecento e da cui deriva il nome.

Le modifiche in stile barocco della facciata furono affidate a Giovan Battista Foggini che collaborò con Antonio Ferri, già autore del Palazzo Corsini sull’omonimo lungarno di Firenze.

Il giardino fu suddiviso in tre ambienti separati e con destinazioni differenti, seguendo quello stile mediceo che all’epoca aveva fatto moda: il selvatico a nord, l’esedra con le Quattro Stagioni ad est e il giardino di fiori geometrico a sud.

I Corsini non vollero tuttavia rinunciare alle funzionalità agricole della loro proprietà di campagna e mantennero, al lato del giardino signorile, un ampio podere destinato a vigneto e oliveto.

Oggi la villa ospita una pregevolissima raccolta di sculture provenienti dalle collezioni medicee che fino al secolo scorso venivano ospitate nel giardino del Museo Archeologico di Firenze.

L’antiquarium di Villa Corsini si compone di numerosi ambienti che, oltre a ospitare preziose testimonianze scultoree, pongono l’accento sulle più recenti scoperte archeologiche riguardanti lo sviluppo della vita e dei popoli che abitarono nel corso dei secoli la piana tra Sesto e Firenze.

Bibliografia essenziale

La Villa Fiorentina. Grazia Gobbi Sica, Alinea, Firenze 1998.

Giardini di Toscana. A cura della Regione Toscana, Edifir, Firenze, 2001.

Toscana etrusca e romana. Touring Club Italiano, 2003.

Giovanni Battista Foggini e gli altri artisti nella villa Corsini a Castello. M. Visonà, in “Rivista d’Arte”, XLII, s. iv, vol. VI, 1990, pp. 147-184.

Il progetto di villa Corsini a Castello. In R. Spinelli, Giovanni Battista Foggini “Architetto Primario della Casa Serenissima” dei Medici, (1652-1725), Firenze 2003, pp. 126-132.

Villa Corsini a Castello. A. Romualdi (a cura di), Firenze 2010.

9arianna

Arianna dormiente

La statua ebbe molta fama fra XVII e XVIII secolo, quando era sistemata in un padiglione appositamente realizzato nei giardini di Villa Medici sul Pincio.

2facciata-ovest

La facciata ovest della villa e il giardino formale di villa Corsini a Castello

5apollo

Apollo saettante

Datazione: metà secolo II d.C
Manifattura: Arte romana
Collezione: Museo Archeologico, Firenze – antiquarium di Villa Corsini

L’opera, appena restaurata, che costituiva una delle opere più ammirate delle collezioni del Museo Archeologico di Firenze prima dell’alluvione del 1966, sarà esposta per la prima volta al pubblico, dopo oltre mezzo secolo.

11statua-fiume

La statua del dio Fiume

Autore: Tribolo

La statua del dio Fiume, opera del Tribolo, tra le più significative del Manierismo toscano, tanto da meritare anche il ricordo da parte del Vasari.

13venere-eros

Venere ed eros

Datazione: fine del secolo II d.C.
Manifattura: Arte romana

Nel Settecento questo delizioso oggetto, insieme a quadri, sculture antiche, armi, minerali preziosi e strumenti scientifici, ornava una delle pareti della Tribuna degli Uffizi.

16viale

Viale

Il viale che conduce al giardino selvatico di Villa Corsini, con sullo sfondo la fontana opera del Foggini.

4arianna

Arianna dormiente, part.

Particolare della scultura raffigurante l’Arianna dormiente, esposta nel salone di Villa Corsini. La statua ebbe molta fama fra XVII e XVIII secolo, quando era sistemata in un padiglione appositamente realizzato nei giardini di Villa Medici sul Pincio.

1facciata

La facciata principale di villa Corsini a Castello

6apollo

Apollo saettante, part.

Datazione: metà secolo II d.C
Manifattura: Arte romana
Collezione: Museo Archeologico, antiquarium di Villa Corsini

Sul volto della scultura, in seguito ad indagini conservative svolte dall’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, sono state evidenziate tracce dell’originaria policromia.

10salone

Il Salone di Villa Corsini a Castello con la statuaria classica

14ignota

Ritratto di ignota

Datazione: fine del secolo II d.C.
Manifattura: Arte romana

Nel Settecento questo piccolo busto in marmo e serpentina, insieme a quadri, sculture antiche, armi, minerali preziosi e strumenti scientifici, ornava una delle pareti della Tribuna degli Uffizi.

17statuario

Statuaria di Villa Corsini

Alcuni esempi della statuaria classica ospitata dal salone di Villa Corsini a Castello.

3cortile

Il cortile della villa Corsini a Castello

Il cortile ospita, sotto il porticato, una collezione di sarcofaghi etruschi di proprietà del Museo Archeologico Nazionale di Firenze.

7stemma-corsini

Stemma Corsini Rinuccini

Autore: Alessandro Gherardini e Rinaldo Botti

Lo Stemma delle famiglie Corsini e Rinuccini, affrescato da Alessandro Gherardini e Rinaldo Botti sul soffitto del salone di villa Corsini.

8niobide

Niobide

Datazione: II sec. d.C
Manifattura: Arte romana

Si tratta di uno dei figli di Niobe, colto mentre cerca di schivare le frecce di Apollo e Artemide.

12amorino

Amorino arciere

Datazione: fine del secolo II d.C
Manifattura: Arte romana

Nel Settecento questo piccolo ma delizioso oggetto, insieme a quadri, sculture antiche, armi, minerali preziosi e strumenti scientifici, ornava una delle pareti della Tribuna degli Uffizi.

15antefissa

Antefissa a testa femminile

Provenienza: scavi archeologici di Gonfienti (Prato)

È solo uno degli oggetti esposti a villa Corsini, nelle sale dedicate alle emergenze archeologiche nel territorio a nord-ovest di Firenze.

18collana

Collana

Datazione: età romana

Collana d’oro proveniente da un edificio di età romana di via Petrosa da Sesto Fiorentino.

Indirizzo

Villa Corsini a Castello
Via della Petraia 38
Castello – Firenze
Telefono: 0552357704
Sito Web | E-mail

Come arrivare:
In Aereo: Dall’aeroporto Amerigo Vespucci, con l’autobus navetta VOLA IN BUS fino alla Stazione di Santa Maria Novella.
In Auto: Dall’autostrada A1: uscita FIRENZE NORD. Seguire le indicazioni per Sesto Fiorentino. In via R. Giuliani seguire le segnalazioni turistiche per la villa.
Da Firenze: in direzione Sesto Fiorentino seguendo poi le indicazioni turistiche per la villa.
In treno: Dalla stazione di Firenze Santa Maria Novella con treni locali, linea Bologna. Scendere alla stazione di Firenze-Castello.
In autobus: Dalla stazione di Firenze Santa Maria Novella Linee 2/ 28.

Orario

Da sabato 28 maggio 2016 la Villa resterà temporaneamente chiusa al pubblico. Ci scusiamo per il disagio.

Dal 01 aprile al 30 settembre:
1°-3° venerdì e tutti i sabati di ogni mese dalle ore 14:00 alle ore 18:00
2° e 4° domenica di ogni mese dalle ore 9:00 alle ore 14:00

Dal 01 ottobre al 31 marzo:
2° e 4° domenica di ogni mese dalle ore 9:00 alle ore 14:00

Biglietti

Ingresso libero.

Ingresso ad ogni ora con visita accompagnata dal personale del museo per max 30 persone, durata circa 60 min.