Nelle stanze di Michelucci

Nelle stanze di Michelucci

07:21 07 ottobre in News

Nelle stanze di Michelucci. Collezioni del Novecento.
Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Dal 12 ottobre all’11 novembre 2014.
Inaugurazione: 11 ottobre 2014 ore 15:00, Ente Cassa di Risparmio, via Bufalini 6, Firenze

Un’interessante mostra si apre questo weekend all’interno di uno dei più importanti complessi dell’architettura moderna in Toscana, la sede della Cassa di Risparmio di Firenze progettata da Giovanni Michelucci negli anni Cinquanta.

Nelle stanze di Michelucci. Collezioni del Novecento, ideata per la prima edizione della Settimana della Cultura in Toscana, è promossa, organizzata e realizzata dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, che cura, custodisce e valorizza l’edificio e che in questa occasione fa conoscere una selezione di opere del Novecento dalla sua collezione.
Allestita in quelli che furono gli uffici disegnati da Giovanni Michelucci per la sede della banca, la mostra presenta al pubblico per la prima volta in maniera organica alcuni dei dipinti del Novecento giunti nelle raccolte dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze nel corso degli ultimi decenni e oggi custoditi in gran parte nei depositi.

Divisa in due sezioni, la mostra presenta nella prima parte opere di artisti quali Ardengo Soffici, Primo Conti, Lorenzo Viani, ad esempio, che testimoniano la prima stagione novecentesca toscana, caratterizzata da linguaggi moderni e aggiornati, maturati dal connubio tra la riflessione sulla tradizione e le aperture sulle esperienze delle avanguardie francesi e internazionali.

Un secondo percorso propone le opere suddivise per nuclei collezionistici o tematici o corpus di autori che sono stati acquisiti con la consapevole volontà di salvaguardare significativi capitoli della storia culturale e artistica toscana, dalla raccolta di una personalità come quella di Alessandro Parronchi (con opere di Mario Marcucci e Ottone Rosai) alle edizioni e ai libri d’artista della nostra casa editrice, il Centro Di.

Orario:
lunedì – venerdì 9.30 – 19.00
sabato, domenica e festivi 10.00 – 13.00 / 15.00 – 19.00
Ingresso gratuito