Eros

Eros

09:45 16 Maggio in

Divinità greca dell’amore, corrispondente a Roma a Cupido o Amore. I miti relativi alla sua nascita sono estremamente numerosi, e ne fanno ora una potenza naturale precedente agli dei dell’Olimpo, figlio del Caos primordiale o della Notte, ora il figlio di Afrodite, concepito da Ermes o da Ares. Colpisce con i suoi strali eroi e mortali, facendosi spesso beffe di loro e inducendoli ad amori infelici o impossibili. Nell’iconografia, è rappresentato come un bambino, o come un adolescente, spesso alato, armato di arco e frecce, oppure di una fiaccola con cui infiamma i cuori. In epoca ellenistica e romana all’immagine di Eros come singola divinità si va sostituendo una schiera di amorini o eroti (v.), spesso rappresentati collettivamente nel corteggio di Afrodite o con le armi di Ares.