Crocifisso/Crocifissione

Crocifisso/Crocifissione

12:11 16 Maggio in

Culmine della Passione (v.) di Cristo, la sua rappresentazione mostra Gesù inchiodato a una croce eretta fra altre due, destinate a due ladroni. I quattro Vangeli variano nella descrizione dell’episodio, ma tutti concordano sulla presenza di alcune donne all’accaduto, fra le quali Maria madre di Gesù, Maria madre di san Giacomo minore e Maria Maddalena. Giovanni solo indica la propria presenza alla Crocifissione.
La tradizione delle croci dipinte, sul supporto ligneo, nasce nell’Italia centrale del XII secolo; in queste Gesù crocefisso compare nella tipologia del Christus triumphans, cioè come trionfatore sulla morte. Agli inizi del XIII secolo si afferma la tipologia del Cristo morto, la cui iconografia deriva dal Christus patiens d’ispirazione bizantina, ma è debitrice anche dalla coeva predicazione francescana: il Cristo sofferente ha la testa reclinata sulla spalla e gli occhi chiusi, il corpo incurvato in uno spasimo di dolore.