Baccio da Montelupo, Bartolomeo di Giovanni d’Astore dei Sinibaldi, detto (Montelupo Fiorentino 1469-1523)

Baccio da Montelupo, Bartolomeo di Giovanni d’Astore dei Sinibaldi, detto (Montelupo Fiorentino 1469-1523)

14:37 16 maggio in

Scultore e architetto si forma presso la scuola d’arte del giardino di San Marco a Firenze, dove conosce Michelangelo Buonarroti; la sua opera costituisce una proposta di sintesi tra la tecnica scultorea del Quattrocento, ancora legata a schemi donatelliani, e la potente espressività della scuola michelangiolesca, che l’artista realizza sperimentando ogni genere di materiale, dal legno alla terracotta, dal marmo al bronzo. Delle numerose e prestigiose commissioni si ricorda il giovanile Compianto sul Cristo morto di San Domenico a Bologna (1494) e, a Firenze. il San Giovanni Evangelista, in bronzo, commissionato nel 1514 da parte dell’Arte della Seta per una delle nicchie della chiesa di Orsanmichele, capolavoro della maturità. Numerosi i monumenti funebri realizzati negli ultimi anni di attività, tra i quali si ricorda quello di Giano Grillo, nella chiesa di Santa Maria dei Servi a Lucca.