Il Seicento in mostra e in musica

Il Seicento in mostra e in musica

13:20 15 Marzo in News

foto__1797_3060.phtml
Per la Notte Tricolore del 16 marzo un affascinante programma barocco da Monteverdi a Frescobaldi, preceduto da una visita guidata all’esposizione Novecento sedotto

Il Novecento artistico italiano si specchia nel Seicento e il confronto intersecolare tra Annigoni e Velázquez, Primo Conti e Artemisia Gentileschi nella bella e arditissima mostra Novecento sedotto in corso a Villa Bardini al Museo Annigoni, diventa spunto per rendere omaggio al 150° dell’Unità d’Italia con un sontuoso dialogo tra pittura e musica.
L’occasione è la Notte Tricolore in programma il 16 marzo, vigilia del fatidico 17 che nel lontano 1861 elevò il piccolo Regno di Sardegna al rango di grande Stato europeo libero e sovrano. Nella festosa ricorrenza Villa Bardini si farà in due, con una visita guidata alla mostra (ore 17,30) e un successivo concerto di musica barocca (ore 18,30) curato dall’associazione culturale Nuove Tendenze.
Benché storicamente slegato dall’epopea unitaria, il concerto ha comunque una sua coerenza con il tema, in virtù della conclamata identità italiana nel panorama musicale del Seicento. Un marchio di origine reso evidente fin dal titolo Ritratti. Un secolo di musica italiana. Dunque brani di Monteverdi e Frescobaldi, Caccini e Vecchi, Piccinini e Carissimi, Merula e Kapsberger per l’esecuzione di due brillanti musicisti, la giovane soprano Giulia Peri accompagnata da Luca Marconato alla tiorba e alla chitarra barocca.
Info e prenotazioni:
Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron, 055.20066206,
mg.geri@bardinipeyron.it

Visita guidata e concerto gratuiti per chi possiede il biglietto della mostra acquistato in giornata. L’ingresso, ridotto per l’occasione a € 4, è garantito fino a esaurimento dei posti disponibili.